facebook
News

 

Archive for ottobre, 2014

Col pareggio ci perdi: partita la raccolta firme

26.10.14

Con la prima raccolta di firme tenutasi a piazza del Pantheon a Roma il 15 ottobre, è partita ufficialmente la campagna Con il pareggio ci perdi a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare di revisione costituzionale per cancellare l’introduzione del principio di pareggio di bilancio nella nostra Costituzione, attraverso la modifica di alcuni articoli fra cui l’art.81. Tra le prime firme anche Susanna Camusso, segretaria generale della Cgil, che quindi sosterrà l’iniziativa. Il Parlamento assunse questa decisione nel 2012, sotto il governo Monti, raccogliendo una proposta del precedente governo Berlusconi. I fautori di tale modifica si appellarono alla volontà dell’Europa. Ma la Ue non ha mai imposto ai paesi membri di mettere in Costituzione il pareggio di bilancio, tanto è vero che altri paesi non lo hanno fatto. In questo modo il nostro paese si è invece privato della possibilità di aumentare la spesa sociale, anche in deficit, per creare le condizioni di un incremento del Pil e di produrre una crescita secondo modelli ambientalmente e socialmente compatibili. E infatti le politiche di rigore e di austerità in atto in  Italia e in Europa, basandosi sul taglio della spesa sociale, (continua…)

L’Arci in piazza con la CGIL

20.10.14

Sabato 25 ottobre l’ARCI sarà in piazza a manifestare con la Cgil per i diritti, la dignità e l’uguaglianza. Più diritti e più democrazia, a partire dal mondo del lavoro, costituiscono  le vere ‘innovazioni’ che servono al nostro paese. La crisi di questi anni è frutto dello strapotere dei poteri finanziari e di rendite di posizione che hanno svilito dignità e lavoro, e ora si pensa di uscirne cancellando i diritti, con più precarietà e più ingiustizia sociale. La discussione sull’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori non è una discussione ‘tecnica’, è invece una questione che attiene al riconoscimento di un diritto fondamentale. Per questo pensiamo che l’impostazione con cui si è affrontato il dibattito sulla disciplina del mercato del lavoro sia profondamente sbagliata. E’ sbagliato partire dalla riduzione di tutele già previste dal nostro ordinamento indicandola come possibile soluzione della crisi. Si tratta peraltro di una ricetta che ha già fallito in tutti i paesi in cui è stata applicata. E’ del tutto strumentale usare la disciplina dei licenziamenti come una clava per definire i confini tra ciò che è vecchio e ciò che nuovo (continua…)

La lotta kurda. Iniziativa a Fano, Giovedì 30 Ottobre ore 17.30

18.10.14

Da oltre un mese la città di Kobane resiste eroicamente agli attacchi delle forze dello Stato Islamico. Le donne e gli uomini che difendono la città kurda interpretano una lotta più ampia e complessa che parla di resistenza agli integralismi, confederalismo democratico, autodeterminazione femminile e nuovi scenari geopolitici. Ne parliamo Giovedì 30 Ottobre alla ore 17.30 a Fano presso il Circolo Arci “Artigiana” (Via Mariotti 41) con: YILMAZ ORKAN – Rappresentante in Italia del Congresso Nazionale Kurdo (KNK), Avv. ARTURO SALERNI – Collegio difensivo di Abdullah Ocalan, MASSIMILIANO SMERIGLIO – VicePresidente Regione Lazio. L’iniziativa è promossa da ARCI Circolo “Artigiana” Fano e da ARCI Comitato provinciale di Pesaro e Urbino. Hanno aderito e parteciperanno Alternativa Libertaria/FdCA, ANPI Sezione “Leda Antinori”, Associazione Fuoritempo, Circolo giovanile “Salvador Allende”, Spazio Autogestito Grizzly.

Pesaro, 30 anni di musica e partecipazione

10.10.14

L’ARCI Comitato provinciale di Pesaro e Urbino festeggia quest’anno trent’anni di attività dei centri musicali, esperienza nata per iniziativa del Comune di Pesaro e successivamente condivisa e sviluppata con la rete dei circoli ARCI. A Daniela Ridolfini, insegnante di musica diplomata in pianoforte presso il Conservatorio di Ferrara e Presidente del Centro Musicale “Pantano”, abbiamo chiesto di ricostruire tra presente e passato la storia di questo originale percorso di cultura e partecipazione.

Quando e come nasce l’esperienza dei centri musicali?

Il contesto nel quale la nostra esperienza muove i primi passi è la Pesaro dei primi anni ’80, anni nei quali si avverte nella città l’esigenza di portare la cultura musicale fuori dagli spazi tradizionali in cui fino ad allora aveva vissuto e di proporne una diffusione più partecipata e orizzontale, facilitando l’accesso alla sua conoscenza e al suo studio. Sulla spinta di queste aspettative il Comune di Pesaro avviò i primi corsi di orientamento musicale che in pochi anni si trasformarono in centri musicali e videro protagonista del loro sviluppo l’ARCI, che oggi può quindi festeggiare  ben trent’anni di attività in questo ambito. (continua…)

 

Categorie