facebook
News

 

Archive for luglio, 2015

Ismaele e “Giulia” vittime dello stesso antico codice tribale

31.07.15

Il terribile omicidio di Ismaele (17 anni, di Sant’Angelo in Vado nelle Marche) per mano di un giovane albanese di famiglia ben integrata, a causa della gelosia per la sua ragazza  che lo aveva tradito con la vittima, ha sconvolto non solo la nostra regione ma credo gran parte della comunità nazionale. Un adolescente è stato ucciso in modo tremendo, prima legato in croce e  poi sgozzato. Il delitto appare sempre più come premeditato, complici con parti diverse un amico e la ragazza. Dopo questo orrore, la comunità si interroga e i sindaci assieme alla prefettura hanno dichiarato l’intenzione di promuovere progetti atti a produrre una maggiore integrazione. Adesso, su questo tema, pare che l’unica integrazione  realizzatasi sia quella di riesumare il delitto d’onore insieme al delitto passionale. Nella stessa settimana ha tenuto banco solo grazie a poche volontarie sul web e sulla stampa la sentenza di assoluzione dei 6 imputati di stupro di gruppo alla Fortezza Da Basso, ai danni di ‘Giulia’ (nome di fantasia). Della sentenza è interessante  leggere gli agghiaccianti particolari. In sostanza tutti assolti perchè la ragazza è poco seria,  e i maschi sono stati provocati, a partire (continua…)

Fano: Don’t Forget Srebrenica

12.07.15

Proseguono gli incontri culturali “IncontrArci”. Il prossimo appuntamento è per Martedì 14 Luglio alle ore 21.30 presso i locali del Circolo Arci “Artigiana” con BOSNIA 1995. L’incontro vedrà protagonisti i cooperatori e scrittori Tullio Bugari e Giacomo Scattolini che proporranno un reading dei loro libri “Izbjieglice/Rifugiati, storie di gente di ex-Jugoslavia” e “Jugoschegge, storie e scatti di guerre e di pace”. L’incontro, durante il quale verranno presentate anche le opere fotografiche dei due Autori, si concentrerà in particolare su Srebrenica, nel 20° anniversario del genocidio.

28a edizione del BOF – Burattini Opera Festival. Pesaro, 14/18 Luglio. Il programma completo

06.07.15

Il Teatro è per la pace, e anche il BOF. Alle genti d’oriente devastate dai conflitti, auguriamo ciò che già successe in quelle terre circa duemila anni fa: “Antioco Eusebe, appena montato sul trono (della Siria), si circondò di mimi, di burattini, di ballerini, di burattinai; e per questi ultimi provò un affetto ed una ammirazione straordinari, tanto che volle studiarne a fondo ed esercitarne privatamente il mestiere. Ond’è che, in poco tempo, la Corte si popolò di giuocatori di marionette; il Monarca si diede tutto a costruire pupazzi, a rizzare teatrini minuscoli, arredati con un lusso regale, sovra i quali egli stesso maneggiava con singolare abilità grandi figure d’uomini, di mostri e di animali….” (La Storia Dei Burattini di YORICK). (continua…)

 

Categorie